TikTok registrerà volto e voce di chi li utilizzerà: grande scontro per violazione privacy e dati biomedici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:22

TikTok sta per cambiare la privacy policy in USA, ma la proposta ha già scatenato pesantissime critiche: perché l’app cinese registra i nostri dati biometrici?Ed è obbligatorio?

TikTok aggiorna le sue informative sulla privacy – MeteoWeek.com

TikTok sta crescendo con rapidità in tutto il mondo, ma l’origine cinese del social preoccupa da tempo Paesi come gli USA, che hanno accusato a più riprese l’app di rappresentare una minaccia per la sicurezza dei dati dei suoi utenti.

Non è la prima volta infatti che il social viene screditato proprio riguardante al tema privacy.

Con l’accettazione della nuova policy, l’applicazione potrà tenere raccogliere alcuni importanti dati biometrici, attraverso la registrazione della voce e del volto degli utenti. E, tra gli utenti di TikTok, moltissimi sono adolescenti e preadolescenti.

Le informazioni sono solo alcune tra quelle comprese nella lista disponibile all’interno della documentazione, tra cui compaiono la geolocalizzazione via SIM card, indirizzo IP e GPS.

Ricordiamo anche che TikTok aveva avviato una fortissima campagna per salvare i pre e adolescenti dallo stesso social, preservandone la privacy. Ora questa nuova funzione manderà all’aria i buoni propositi?

TikTok non ha tuttavia ancora rivelato quali sono le funzionalità in fase di sviluppo che potrebbero necessitare di tali elementi ma, ha sottolineato, che gli utenti saranno informati nel momento in cui verrà introdotta la raccolta effettiva, con il solito avviso appena si aggiorna l’applicazione.

Voce e volto non sono però le uniche peculiarità registrate; come si evince dalla policy, anche oggetti e ambienti circostanti, location e connotazioni corporee potranno finire nel database dell’azienda, al pari di quanto accade già con altri social network tra cui Instagram, ad esempio per la realizzazione delle didascalie per coloro affetti da disabilità visive.

Non ci sarebbe più davvero privacy.

Una battuta contro piede? – MeteoWeek.com

A rassicurare, almeno in parte, gli utilizzatori dovrebbe essere la conferma che ciò che viene registrato non sarà utilizzato per operazioni che consentiranno l’identificazione, ma esclusivamente per la moderazione dei contenuti, classificazione demografica, raccomandazioni e simili.

LEGGI ANCHE: TikTok è sempre più il social preferito dal mondo delle auto: ecco perché

L’app registrerà tutto quello che vede

Nella nuova policy che tutti gli utenti devono accettare per poter continuare a utilizzare la piattaforma è apparso un passaggio che anticipa come l’app possa raccogliere informazioni e identificatori biometrici, come ad esempio impronte facciali e vocali, a partire dai video che sono stati caricati online.

Non che tutti muoiano dalla voglia di donare a internet non solo la loro cronologia, ma ora anche la propria casa, volto, impronte digitali. sembra davvero un azzardo.

Gli elementi in questione non sono le semplici immagini del volto o le registrazioni audio della voce, ma rappresentazioni matematiche estratte dai video che consentono teoricamente all’app di distinguere una persona da un’altra.

Nella nuova informativa non viene spiegato a cosa servano questi dati; utilizzandoli però i gestori potrebbero sapere chi appare in un video anche quando non ne è l’autore, e ricostruire così reti sociali che possono essere utili a scopi pubblicitari.

LEGGI ANCHE: TikTok: una valanga di teorie complottiste contro il Covid, chi le crea e per quale interesse?

Ma cosa diceva la normativa della privacy?

La privacy non ci sarà più su TikTok? – MeteoWeek.com

La policy sulla privacy, attualmente in vigore per chi scarica l’app dagli store collegati agli Stati Uniti, e non in Europa dove la regolamentazione sulla protezione dei dati personali (GDPR) risulta più stringente, resta oscura su determinati aspetti.

Infatti, sebbene specifichi che tutti gli estremi verranno registrati in base alle normative vigenti nella nazione e gli iscritti avvisati laddove previsto dalla legge, non sono molti gli Stati che possono vantare un efficace ordinamento di questo tipo.

L’Italia come reagirà a questa news?