Certificato vaccinale in formato QR: in arrivo dal primo luglio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:47

Colao: certificato vaccinale, un QR Code dal 1 luglio. Speranza,”occorre maggiore coordinamento in vista dell’entrata in vigore formale”.

Il green pass inizia a Luglio – MeteoWeek.com

Il green pass non sarà un passaporto ma un certificato anche sotto forma di codice a barre bidimensionale.

Disponibile anche dentro l’app IO.

Il tanto discusso certificato vaccinale sembrerebbe essere pronto a partire, in concomitanza con l’inizio dell’estate.

Il ‘”green pass”‘ non sarà un passaporto ma un ‘certificato’ che si potrà avere dopo aver fatto la seconda vaccinazione o dopo un tampone (e in questo caso “costerà un po’ di più e sarà a scadenza”) o se guariti dal Covid, “verso metà giugno saremo pronti e dal 1 luglio partirà“.

Lo ha spiegato il ministro per l’innovazione Vittorio Colao intervistato da Riccardo Luna e Maurizio Molinari su Italian Tech, la nuova testata del gruppo Gedi dedicata al digitale.

LEGGI ANCHE: Un’associazione segnala il problema dei dati non protetti col green pass: com’è possibile risolverlo?

Un certificato che proteggerà la privacy

Il tutto trattando i dati in maniera corretta e trasparente, per evitare conseguenze gravissime per la vita e i diritti fondamentali delle persone.

Conseguenze che, nel caso di specie, potrebbero tradursi in discriminazioni, violazioni e compressioni illegittime di libertà costituzionali e problematiche di privacy.

“Siamo contenti dei risultati della versione europea che abbiamo già testato – sottolinea Colao – È un certificato, non un passaporto e forse non dovremo neppure scaricarlo ma arriverà una notifica e chi ha l’App Io l’avrà lì dentro”.

Ad oggi sono 11 milioni che l’anno scaricata, e 20 milioni gli speed attivati.

Questa potrebbe anche essere una mossa di marketing: per viaggiare sarà appunto necessario questo certificato.

Un Ipotetico certificato vaccinale cartaceo – MeteoWeek.com

E per averlo, si dovrà scaricare Immuni, l’app bistrattata nel primo lockdown,leggete questo articolo, e quindi darle finalmente uno scopo ben preciso che TUTTI dovranno seguire.

Il “certificato verde digitale”, non è un passaporto vaccinale ma un certificato utile a evitare divisioni e blocchi tra i Paesi continentali, facilitare gli spostamenti dei cittadini europei e far ripartire il turismo in vista dell’estate, periodo dove il virus sembra essere meno invasivo, visto il calo dei sintomi influenzali.

Il pass è interoperabile e vincolante per i Paesi UE, e per evitare ogni forma di discriminazione offre “tre alternative” per tornare a viaggiare: dimostrare l’avvenuta vaccinazione, la negatività a un test (in tal caso costerà di più e sarà a scadenza) o la guarigione dal Covid.

LEGGI ANCHE: Google mette a disposizione i propri uffici per le vaccinazioni da Covid-19

Occorre maggiore coordinamento in vista dell’entrata in vigore formale, dal primo luglio, del Certificato verde digitale per favorire una ripresa in sicurezza degli spostamenti dei cittadini europei“.

Come funzionerà – MeteoWeek.com

Lo ha dichiarato il Ministro Speranza, intervenendo, in videoconferenza, alla riunione di un gruppo di ministri della Salute e degli Affari europei dell’Ue.

Il documento digitale dovrebbe essere disponibile dall’inizio di luglio, gratis e in formato digitale o cartaceo (Possibilmente rilasciato dopo la dose vaccinale), seguendo quindi la tempistica voluta dall’UE dopo l’approvazione del pass da parte del Parlamento e dal Consiglio europeo.

Per quanto riguarda IO, ricordiamo che si tratta dell’applicazione mobile gratuita realizzata dal Dipartimento per la trasformazione digitale, in collaborazione con PagoPA S.p.A. e diversi volontari che hanno collaborato allo sviluppo, con l’obiettivo di rendere i servizi delle pubbliche amministrazioni accessibili ai cittadini su un’unica piattaforma.