Dagli autori di Fortnite ecco Big Time: il primo videogioco basato sugli NFT

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:26

Un gruppo di sviluppatori di Fortnite e Call of Duty danno vita a Big Time, il primo videogioco per PC che sarà basato su Ethereum ed NFT. In arrivo nel 2022

big time nft
Gli NFT sbarcano nel mondo dei videogiochi – MeteoWeek.com

In pochi conosceranno il neonato team di sviluppo Big Time Studios. Eppure, in pochissimo tempo ha attirato l’attenzione di un cospicuo numero di investitori, che hanno permesso alla società di raccogliere ben 21 milioni di euro. Ciò è stato possibile grazie al suo ambizioso progetto, ideato da persone che decisamente “ci sanno fare”. Big Time Studios è infatti capitanato da un gruppo di esperti che hanno già lavorato allo sviluppo di popolarissimi videogiochi come Call of Duty, Fortnite, Gears of War e League of Legends. Se all’esperienza si aggiunge un’idea innovativa e basata sulle tendenze tecnologiche del momento, allora il gioco è fatto.

Il team di sviluppo ha infatti dichiarato di essere al lavoro su “Big Time”: un gioco di ruolo online che verrà lanciato in Early Access su PC probabilmente nel 2022. Esso avrà due caratteristiche chiave: sarà basato sulla criptovaluta Ethereum e sugli NFT. Una novità quasi rivoluzionaria, che renderà Big Time il primo videogioco al mondo ad essere focalizzato sugli oggetti da collezione digitali.

LEGGI ANCHE: Ipermatch, l’app videogioco che unisce calcio e criptovalute

Big Time: come verranno implementati Ethereum ed NFT?

big time nft
Un’immagine del gameplay di Big Time – MeteoWeek.com

Dalle indiscrezioni, si evince che il suddetto videogioco sarà un MMO (massively multiplayer online) con elementi action in stile World of Warcraft. Esso inizia “in una scuola alla fine del tempo” gestita da Albert Einstein e i giocatori dovranno viaggiare nel tempo per collezionare oggetti, combattendo battaglie epiche. Il sistema di combattimento potrebbe ricordare quello di God of War e la mappa sarà divisa in tre aree: dai classici dungeon procedurali fino alla città, nella quale i giocatori si radunano e mostrano gli oggetti raccolti.

Tutto ciò che ha impatto sul gameplay non sarà acquistabile con soldi reali, ma ci saranno anche alcuni elementi cosmetici (come ad esempio le skin): questi ultimi saranno venduti tramite NFT, ovvero oggetti digitali la cui unicità e autenticità sarà garantita da tecnologia blockchain. Un’idea che potrebbe avvicinare i non-fungible token al pubblico mainstream e che ha attratto anche i numerosi partner che hanno deciso di finanziare l’iniziativa.

LEGGI ANCHE: SEGA si lancia nel mercato degli NFT: inizierà a venderli da questa estate

Come anticipato, Big Time Studios è un nome emergente dell’industria videoludica, ma nel team operano diversi ex dipendenti di colossi come Epic Games, Riot Games, Blizzard Entertainment e Electronic Arts. Le sue potenzialità sono dunque tante, e ci aspettiamo che nei prossimi anni questa società possa iniziare a lavorare su progetti ancora più ambiziosi e futuristici, che potrebbero “dare fastidio” alle grandi case produttrici.