Bill Gates finanzia un nuovo metodo di rilevazione Covid: come funziona e cos’è?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

Il magnate creatore di Microsoft non ci sta a stare di parte, e ha messo a disposizione tutte le sue possibilità, sia economiche che tech, per sconfiggere il Covid-19

Tampone molecolare firmato Bill Gates – MeteoWeek.com

Un innovativo test salivare per scoprire in maniera rapida la positività al Covid-19.

A creare il nuovo tampone, in fase di sviluppo, è stato un team di ricerca del California Institute of Technology (CALTECH), guidato dal professor Rustem F. Ismagilov, in collaborazione con i colleghi del Dipartimento di Salute Pubblica della Città di Pasadena.

Il progetto è stato finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Già precedentemente Bill Gates e Melinda avevano smosso le acque per aiutare le famiglie in difficoltà: La Fondazione di Bill e Melinda Gates ha infatti donato ai residenti di Seattle migliaia di kit per fare il test del coronavirus a casa.

Il dispositivo ha consentito alle persone di eseguire autonomamente un tampone nasale e ricevere i risultati entro un massimo di due giorni.

Senza contare il “Global Coronavirus COVID-19 Clinical Trial Tracker” di Cytel, lo strumento cofinanziato dalla Bill and Melinda Gates Foundation per monitorare e collegare tutti i test in corso nel mondo.

Lo strumento ideato da Bill Gates e da Cytel permette di tenere monitorati, a livello globale e con una vera e propria mappa, attraverso OpenStreetMap, gli sforzi della medicina per trovare una terapia contro il coronavirus.

LEGGI ANCHE: TikTok: una valanga di teorie complottiste contro il Covid, chi le crea e per quale interesse?

La novità firmata Bill Gates

Bill e Melinda Gates – MeteoWeek.com

Il test salivare sfida la rapidità, e la usa a suo vantaggio.

Il punto di forza del test salivare, più rapido e preciso rispetto ai tamponi nasali, è che si può eseguire anche da soli, senza rimanere in coda agli stand adibiti a cià.

Gli scienziati hanno determinato l’efficacia del nuovo test salivare coinvolgendo volontari con recenti contatti stretti con persone positive al coronavirus.

I campioni di saliva erano auto-raccolti dai partecipanti due volte al giorno.

In ogni singolo caso, l’Rna virale veniva scoperto prima che dal tampone nasale, addirittura con un anticipo compreso tra 1,5 e 4,5 giorni. La positività veniva poi confermata attraverso analisi di laboratorio ad alta sensibilità, con le quali è stata determinata anche la carica virale di ciascun campione.

Questo tipo di tampone potrebbe quindi velocizzare le procedure di tracciamento del contagio, contribuendo a bloccare lo sviluppo di eventuali focolai e porre fine a quest’incubo, in attesa che tutta la popolazione venga vaccinata.

LEGGI ANCHE: Covid, negli USA i dipendenti Amazon si sottoporranno a test “fatti in casa”

Le altre collaborazioni della fondazione di Bill Gates

I test contro il Coronavirus – MeteoWeek.com

Oltre al test salivare, Bill Gates ha contribuito a finanziare la creazione di un ipotetico vaccino in corso di sviluppo da parte dell’azienda biotech americana Inovio, entrato nella sua fase di sperimentazione sull’uomo, grazie al via libera della Food and Drug Administration (Fda).

Come dicevamo, anche i test rapidi domestici sono stati un’idea geniale.

I cittadini che hanno pensato di essere a rischio positività, hanno dovuto compilare un questionario online, nel quale hanno indicato tutti i loro movimenti recenti e i contatti che hanno avuto, in modo da permettere ai responsabili della sanità di individuare altri soggetti potenzialmente a rischio, fare altri test, e procedere con la quarantena.

Inoltre hanno indicato  certosinamente i sintomi per ottenere il suddetto kit.

Nel caso in cui i sintomi denunciati fossero compatibili al Covid-19, è stato possibile richiedere il tampone, consegnato a domicilio entro due ore.

Per eseguire il tampone, qualsiasi molecolare, bisogna semplicemente nel naso e inviare il campione per la analisi.

Il risultato viene recapitato nel giro di uno o due giorni con la certificazione delle autorità locali nel caso in cui il test risultasse positivo.