Microsoft, nasce la coalizione per l’autenticità dei contenuti online

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:30

Microsoft, Adobe, Arm, BBC, Intel e Truepic formano il C2PA, la coalizione volta a verificare l’autenticità dei contenuti online, tracciandone l’origine e l’evoluzione, combattendo quindi la disinformazione

microsoft coalizione contenuti online
Microsoft annuncia la nascita del C2PA, la coalizione volta a verificare l’autenticità dei contenuti presenti online – MeteoWeek.com

Al giorno d’oggi è più che mai importante poter fare affidamento su contenuti digitali autentici, verificati e autorevoli. Per questo, un gruppo di influenti società tecnologiche e dei media ha collaborato per formare la cosiddetta Coalition for Content Provenance and Authenticity (C2PA), ovvero la coalizione istituita per affrontare la disinformazione e la presenza di contenuti fraudolenti online. A tal fine, il C2PA svilupperà degli standard tecnici per certificare la fonte o verificare la provenienza dei contenuti.

I membri fondatori di questa speciale coalizione sono 6: Microsoft, Adobe, Arm, BBC, Intel e Truepic, i quali cercheranno quindi di verificare l’autenticità e la provenienza dei tanti contenuti presenti online, individuando quelli ingannevoli.

Microsoft e le iniziative della coalizione per l’autenticità dei contenuti online

Le società membri del C2PA lavoreranno al fine di consentire a editori, creatori e consumatori di tracciare l’origine e l’evoluzione di qualsiasi contenuto digitale, incluse immagini, video, audio e documenti. Il C2PA utilizzerà uno standard aperto che potrà essere utilizzato da qualsiasi piattaforma online.

Diverse società facenti parte del C2PA hanno già compiuto passi da gigante nello sforzo di verificare l’origine dei contenuti online: Adobe ha – per esempio – fondato la Content Authenticity Initiative (CAI), mentre Microsoft e BBC hanno dato vita al Project Origin. Con la fondazione del C2PA, gli standard tecnici di queste due iniziative saranno unificati.

microsoft coalizione contenuti online
Da anni, i colossi del web cercano di limitare il crescente fenomeno della disinformazione – MeteoWeek.com

Progettare standard e tecnologie in grado di verificare la fonte e la provenienza dei contenuti online è un importante passo avanti nell’affrontare le crescenti preoccupazioni relative alla manipolazione e alla divulgazione di notizie e informazioni poco attendibili. Le aziende interessate ad aderire al C2PA possono quindi fare domanda inviando una mail all’indirizzo membership@c2pa.org.

Contenti tutti i membri fondatori per la nascita di questa nuova coalizione: Jatin Aythora, Chief Architect della BBC ha dichiarato: “È fondamentale che i divulgatori di notizie abbiano un ruolo nella battaglia contro la disinformazione. Accogliamo con piacere l’opportunità di partecipare al lavoro del C2PA, che ha il potenziale per accrescere la fiducia del pubblico nelle notizie in un momento in cui le fonti di informazione affidabili sono più importanti che mai”.

Eric Horvitz, Chief Scientific Officer e sponsor esecutivo di Project Origin (Microsoft), ha invece affermato: “È necessario affrontare la presenza di contenuti ingannevoli, attività ora più semplice grazie ai progressi dell’intelligenza artificiale. Il nostro imperativo come ricercatori è quello di creare e perfezionare approcci tecnici per questa grande sfida del nostro tempo. Siamo entusiasti dei metodi che mettere a punto per verificare l’origine e la provenienza dei contenuti online. È un onore collaborare con Adobe, BBC e tutti gli altri membri di C2PA per cercare di compiere ulteriori passi in avanti in questo senso”.


Leggi anche:


Infine, Jeffrey McGregor, CEO di Truepic ha affermato: “Truepic è nato sul principio che l’autenticità delle immagini presenti online sia l’unica soluzione scalabile a lungo termine per maturare fiducia in ciò che vediamo online (Truepic è proprio una piattaforma di verifica di foto e video, n.d.r.). Il C2PA semplificherà la distribuzione di contenuti digitali ad alta integrità su larga scala, un passo fondamentale per ripristinare il senso condiviso della realtà nella società”.