DAD nel mirino dei criminali informatici: a gennaio 60% in più di attacchi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

I criminali informatici prendono di mira la DAD: secondo Kaspersky, a gennaio è stato registrato un aumento del 60% di utenti colpiti da minacce che utilizzano come esca le piattaforme di apprendimento online

dad criminali informatici
Un’insegnante durante una lezione di didattica a distanza a Kazan (Russia), nell’aprile 2020 – MeteoWeek.com

Come risaputo, a causa della pandemia, le scuole continuano ad essere soggette a nuove chiusure o a modelli ibridi di apprendimento, in persona e a distanza. Infatti, secondo il World Economic Forum, oltre un miliardo di bambini e ragazzi nel mondo hanno sperimentato – o sperimentano tuttora – la didattica a distanza. Questo ha contribuito ad attirare l’attenzione dei criminali informatici nei confronti delle piattaforme dedicate alla scuola e all’apprendimento online.

La DAD nel mirino dei criminali informatici: a gennaio il 60% in più di attacchi

Infatti, in base ad un’indagine svolta da Kaspersky – l’azienda russa leader mondiale nella cybersecurity per aziende e privati -, nel mese di gennaio 2021 gli attacchi contro i servizi online dedicati alla scuola sono aumentati del 60% rispetto alla prima metà del 2020, con ben 270.171 utenti che da luglio a dicembre 2020 sono stati colpiti da minacce che hanno utilizzato come esca le piattaforme di apprendimento online.

dad criminali informatici
Il confronto tra gli utenti che hanno incontrato queste minacce nel periodo di gennaio-giugno 2020 (in rosso) e luglio-dicembre 2020 (in blu) – MeteoWeek.com | fonte: Kaspersky

Come visibile dal preciso grafico pubblicato da Kaspersky, la più colpita è stata, di gran lunga, Zoom. Un dato che non sorprende: basti pensare che essa conta più di 300 milioni di utenti al giorno ed è la piattaforma più popolare per le riunioni virtuali. Al secondo posto si trova Moodle, seguita da Google Meet. L’unica piattaforma a non aver registrato un aumento del numero di utenti che si sono imbattuti in queste minacce è Google Classroom.

In cosa consistono queste minacce?

Kaspersky stima che circa il 98% delle minacce incontrate erano dei ‘not-a-virus’, che si dividono in due categorie: adware e riskware.

  • L’adware bombarda gli utenti con annunci pubblicitari indesiderati;
  • Il riskware è costituito da vari file – dalle barre degli strumenti del browser agli strumenti di amministrazione remota – che possono eseguire varie azioni sul computer dell’utente senza il suo consenso. Tra i due i riskware sono quindi i più pericolosi;
  • L’1% riguardava invece dei virus trojan.

Leggi anche:


Le minacce che sfruttano popolari app per video riunioni e piattaforme per la DAD raggiungono l’utente attraverso falsi installatori di applicazioni: lo portano su siti web non ufficiali progettati per sembrare autentici o all’interno di e-mail camuffate da offerte speciali. Avevamo trattato di recente una minaccia simile, riguardante un sito farsa dell’app Immuni, il quale permetteva di avviare un download che – al posto della famosa app di tracciamento dei contagi – installava sul dispositivo dell’utente malcapitato un pericoloso virus informatico.

Purtroppo, fino a quando tutti gli studenti non torneranno in classe a tempo pieno, gli istituti scolastici continueranno ad essere un obiettivo interessante per i criminali informatici, soprattutto perché questo settore non ha tradizionalmente dato la priorità alla cyber-sicurezza. Tuttavia, la pandemia ha reso chiaro che questa situazione deve cambiare, soprattutto perché la tecnologia è sempre più presente in questo settore, apprendimento virtuale o meno“, ha affermato Anton Ivanov, esperto di sicurezza di Kaspersky.