Google, con Privacy Sandbox più riservatezza: addio a cookie di terze parti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Google progetta un futuro privilegiato per la privacy nella pubblicità web: con Privacy Sandbox addio ai cookie di terze parti. E non mancano strumenti per supportare inserzionisti e aziende

google privacy sandbox
Novità in arrivo riguardo la pubblicità sul browser Chrome – MeteoWeek.com

Si sa, la pubblicità è essenziale per mantenere il web gratuito e aperto a tutti, ma le pratiche sulla privacy devono comunque tenere il passo con le mutevoli aspettative degli utenti. Chiunque, infatti, vuole giustamente garanzie sul fatto che la propria identità e le proprie informazioni siano al sicuro mentre si naviga sul web. Per questo Google, nel 2019, ha lanciato l’iniziativa Privacy Sandbox, col fine di “superare” i cookie di terze parti, e sostituirli con adeguate alternative che abbiano come punto cardine la privacy. Esse aiuteranno gli editori e gli inserzionisti ad riscuotere ugualmente successo, proteggendo allo stesso tempo la privacy degli utenti.

Google Privacy Sandbox: pubblicità basata sugli interessi con il FLoC

Una delle soluzioni già sperimentate dall’azienda californiana con l’iniziativa Privacy Sandbox è il cosiddetto FLoC, sigla di Federated Learning of Cohorts. Esso permette di generare pubblicità basata sugli interessi dell’utente: una soluzione molto più efficace rispetto agli approcci basati sui cookie. Google afferma che il FLoC, “insieme a simili promettenti sforzi in aree come la protezione dalle frodi sono il futuro della pubblicità web; e Privacy Sandbox potenzierà i nostri prodotti web in un mondo di cookie post-terze parti”.

Più nel dettaglio, il FLoC consente di raggruppare un segmento più ampio di persone con interessi simili, rendendo però anonimi i singoli individui all’interno del “contenitore”. Sulla base di alcuni risultati, Google afferma che, grazie a questo meccanismo, gli inserzionisti possono aspettarsi di vedere almeno il 95% delle conversioni per dollaro speso rispetto alla pubblicità basata sui cookie.

La creazione del pubblico

google privacy sandbox
Google Privacy Sandbox, iniziativa nata nel 2019 al fine di migliorare la qualità e i risultati delle campagne pubblicitarie, nonché rimuovere i cookie di terze parti – MeteoWeek.com

Privacy Sandbox include anche proposte su come i professionisti del settore marketing possono creare e distribuire il proprio pubblico, senza l’utilizzo di cookie di terze parti. A tal fine Google ha lanciato un’ulteriore proposta, chiamata FLEDGE. Essa, come riportato dall’Ansa, nasce invece dall’incontro con vari esperti, tale da costituire un server condiviso per conservare informazioni sulle offerte e sui budget di una campagna pubblicitaria. Tramite l’uso di tecniche specialistiche, le API proposte in Privacy Sandbox permettono di ottenere report accurati e rispettosi della riservatezza, modellando offerte in linea con le analisi dei gruppi di utenti.

Le misure di sicurezza

Attraverso Trust Token API, Chrome aiuta le aziende a verificare il traffico autentico (rispetto a quello fraudolento), senza esporre le identità delle persone nel processo. A marzo 2021 si prevede una nuova funzionalità per Trust Token, mirata a migliorare l’individuazione di frodi sui dispositivi mobili.

Un altro obiettivo importante di Privacy Sandbox è lo sviluppo di una tecnologia per proteggere le persone da tecniche che condividono i dati sui singoli utenti e consentono loro di essere tracciati in modo nascosto. Per questo è nata Gnatcatcher, funzionalità che serve a mascherare un indirizzo IP e a proteggere una persona dalla tecnica che, solitamente, consiste nell’utilizzo del numero univoco di un dispositivo per tentare di identificare un utente.


Leggi anche:


Google dichiara: “Grazie ai risultati iniziali di FLoC, al continuo sviluppo delle API e all’incoraggiamento del dialogo con il settore, siamo più fiduciosi che mai che Privacy Sandbox sia il percorso migliore per tutelare la privacy degli utenti del web; garantendo al contempo agli editori di guadagnare ciò di cui hanno bisogno per finanziare ottimi contenuti e agli inserzionisti di raggiungere le persone giuste per i propri prodotti. Per i team pubblicitari di Google, le tecnologie Privacy Sandbox rappresentano il futuro del funzionamento dei nostri annunci e dei nostri prodotti di misurazione sul Web. Incoraggiamo altri a unirsi a noi nella definizione di questo nuovo approccio che creerà esperienze migliori per i consumatori fornendo soluzioni più durevoli per il settore pubblicitario”.