I migliori visori VR: ecco le scelte della redazione e come orientarsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:00

I visori VR sono il futuro dei videogiochi, ma non solo: possono essere utilizzati anche in varie applicazioni, sia su PC sia su mobile, per vivere esperienze del tutto nuove. Ecco i migliori e quali scegliere per il proprio dispositivo

visori vr
La scelta varia fortemente in base ai dispositivi su cui utilizzerete i visori. – MeteoWeek.com

C’è chi sostiene che il mercato dei visori VR stia in qualche modo portando nelle nostre abitazioni un assaggio dal futuro della tecnologia. D’altronde, si tratta di uno strumento che gli utenti avevano iniziato ad immaginare ben prima, già più di 20 anni fa: visori “rudimentali” erano già stati creati per alcune console a cavallo tra gli anni 80 e primi anni 90, senza ottenere però il successo sperato.

L’evoluzione dei visori di realtà virtuale ha portato questa tecnologia a vivere un autentico boom soltanto dal 2009 in poi, quando si è cominciato a parlare di realtà aumentata in modo massiccio nel mercato consumer. La consacrazione definitiva è avvenuta nel 2014 grazie alle prime proposte di Ikea tramite uno speciale catalogo e l’acquisizione da parte di Facebook di Oculus Rift.

Ma quali sono, ad oggi, i migliori visori VR per realtà aumentata? Come destreggiarsi tra i vari modelli per il proprio caso? Vi proponiamo di seguito i nostri suggerimenti.

Visori VR per console

Il mercato in cui i visori sfoggiano al massimo le proprie potenzialità è il settore videoludico, che permette letteralmente di tuffarsi nel gioco a 360 gradi.

Se giocate su PlayStation 4 o 5, la scelta è obbligata e si chiama PlayStation VR. Il visore presenta una comodità piuttosto notevole, non essendo troppo pesante, e consente di divertirsi con un’esperienza immersiva pur senza eccellere e senza raggiungere una qualità visiva e di utilizzo troppo elevata.

Se, invece, giocate su Xbox, la situazione si fa molto più complessa. Anzitutto le nuove generazioni di Xbox, ossia Series X/S, non supportano i visori di realtà virtuale. Al contrario questa funzione è supportata su Xbox One, ma soltanto tramite un’app dedicata nella console. In questo caso si tratta di Oculus Rift e la scelta è senz’altro obbligata. Il visore in questione è eccellente, tuttavia la compatibilità con i giochi Xbox One potrebbe non essere massima come su PlayStation VR.

Da Nintendo Switch potrete giocare in realtà virtuale con Nintendo Labo, una soluzione davvero interessante che, oltretutto, presenta una parte educativa per i più piccoli. Anche in questo caso non raggiungiamo vette incredibili di qualità tecnica, ma come da tradizione Nintendo punta sull’esperienza e sul divertimento e questi non mancano.

visori vr
Samsung Gear VR è la soluzione adottata dall’azienda coreana: il visore è progettato da Oculus. – MeteoWeek.com

Visori VR per smartphone

Su smartphone potrete sbizzarrirvi in maniera molto più decisa, grazie ad un mercato che propone molte più soluzioni. Si passa ad esempio dalla Google Cardboard, una soluzione molto particolare e adatta a chi non vuole tuffarsi nei visori troppo avanzati, ad alcune scelte di primissima qualità come Samsung Gear VR, implementabile con dispositivi Samsung e in grado di offrire un’esperienza a tutto tondo. O anche ad Oculus nei modelli Go e Quest, adatti rispettivamente a chi possiede un budget ristretto o più alto, ma entrambi eccellenti per svolgere la funzione di realtà virtuale.


Leggi Anche:


Visori VR per PC

Su PC la situazione migliora ancor di più. HTC Vive Pro e HTC Vive Cosmos Series sono due visori davvero ottimi da utilizzare su computer, grazie ad un’architettura avanzata che ne consente gli utilizzi più disparati. Ma anche Oculus Rift S e Lenovo Explorer.

Nel caso dei PC il budget si alza notevolmente, perché questi visori possiedono una qualità davvero altissima, che sfrutta al massimo l’hardware del PC. Oltretutto non sono portatili, e dovranno essere utilizzati necessariamente col computer di casa dato il grande ingombro.