Foldable di Xiaomi: aggiornamento sull’uscita in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

Sembrerebbe essere questo il nome del primo foldable di casa Xiaomi, ma potrebbe sempre cambiare nome prima del lancio: sulla sua esistenza però non vi sono più dubbi.

Ecco il form factor definitivo del foldable di casa Xiaomi – MeteoWeek.com

Il colosso cinese si sta preparando da ormai diversi mesi al debutto. È già apparso in video il nuovo foldable mostrando il suo form factor singolare e lasciando intendere una minima parte della composizione hardware.

Ecco un riepilogo dei leak su tutte le caratteristiche hardware, funzionalità software e dettagli sul design. 

Xiaomi Mi Fold dovrebbe integrare un SoC Snapdragon 855 con modem 5G integrato per supportare nativamente la connessione alle reti di nuova generazione. A supportare il multitasking un totale di 10 GB di Ram e una memoria Rom per lo storage di dati che dovrebbe partire da un taglio di 64 GB fino a raggiungere i 512 . Non è ancora chiaro se sarà presente o meno l’espansione di memoria via microSD, ma dalle ultime indiscrezioni sembrerebbe di no.

Poche informazioni riguardanti le fotocamere digitali che dovrebbero essere presenti sia sul fronte sia sul retro, forse con una configurazione doppia davanti e tripla dietro, orientati in fila verticale con il flash posizionato sulla parte superiore.

La diagonale del display dovrebbe essere di circa 7 pollici “aperto” mentre piegandolo la diagonale dovrebbe dimezzarsi. Ancora nessuna informazione su batteria, autonomia né sui moduli interni.

Lin Bin, presidente dell’azienda, mentre presenta in un video “leak” il nuovo smartphone pieghevole – MeteoWeek.com

Il design è naturalmente il punto forte come del resto di questa nuova categoria di cellulari che sta sempre più prendendo piede. Nel suo caso specifico il form factor innovativo e unico nel suo genere presenta una struttura pieghevole sui due lati invece che su uno solo come Huawei Mate X “a libro” o le soluzioni particolari di Samsung Z Fold e Flip. Il risultato in questo caso sarà del tutto simile a quello degli smartphone a cui siamo abituati oggi, con la differenza di avere uno schermo davanti e uno dietro, che lascerà ovviamente uno spazio per le fotocamere. 

Sarà necessario attendere qualche mese prima di poterne vedere uno fisicamente, anche in versione alpha, viste le poche notizie che in totale sono solo delle immagini trapelate da pochi secondi di un video.


Leggi Anche:


Il software non potrà che ispirarsi alle necessità dello schermo pieghevole: ci sarà sicuramente una profonda rivisitazione dell’interfaccia madre di casa Xiaomi, che si preparerà alle diverse soluzioni che soddisferanno l’utente durante le ore di utilizzo del dispositivo. 

Ci sarà ovviamente uno switch immediato nel passaggio tra la modalità chiusa ed estesa così come con l’orientamento dello schermo nel caso in cui si dovesse ruotare lo schermo. 

L’uscita di Xiaomi Mi Fold è attesa per un periodo compreso tra fine aprile e inizio giugno: il prezzo promette bene visto che i primi rumors lo annunciano a 999 euro, competendo fortemente visto che la somma risulta essere quasi la metà rispetto a quella che ci sarebbe da “sborsare” per acquistare i rivali già usciti mesi fa.