La Swatch continua a non voler fabbricare smartwatch ma apre al chip NFT su alcuni modelli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:30

L’anti watch è uno swatch. In comune hanno solo la generazione (la seconda), per il resto sono diversi in tutto. Agli antipodi. Non dite alla Swatch che i suoi orologi sono smart. Vi risponderà malamente.

Swatch Store
Swatch Store – MeteoWeek.com

La nota azienda svizzera continua a non volerne sapere di fabbricare smartwatch: li combatte da una parte, ma si spinge oltre dall’altra. Come? Con il chip NFT su alcuni modelli.

Gli elvetici, infatti hanno presentato la nuova linea di orologi che permettono di pagare semplicemente avvicinando il polso a un normalissimo Pos. Una soluzione semplice, sicura e immediata che evita l’utilizzo di contanti e che si integra nello stile di Swatch. Anzi, SwatchPaY.

SwatchPaY. E dici addio autonomia ridotta degli smartwatch

Logo Swatch 20220707 tech
Logo Swatch – MeteoWeek.com

Si chiama così. Il modello GENT è il più economico, puoi puoi scegliere gli orologi della serie NEW GENT da PLN 405 e la famiglia BIG BOLD da PLN 515. Hanno tutti in comune la possibilità di pagare contactless.

Per iniziare a utilizzare i pagamenti sugli orologi Swatch, bisogna innanzitutto scaricare l’app SwatchPAY sul tuo smartphone. Quindi creare un account dentro l’app, fornendo e-mail e password e accettando i termini di utilizzo. Il passaggio successivo consiste nell’aggiungere una carta supportata. Si può attivare anche nel negozio Swatch, sia in quello fisico sia in quello online.

Grazie a un invisibile chip radio NFC inserito all’interno, l’orologio di nuova generazione (meglio non dire seconda, per carità altrimenti c’è un termini di paragone con gli smartwatch) è possibile pagare su qualsiasi terminale che accetti i pagamenti contactless, con una grande differenza rispetto a tutti gli altri, e su cui la Swatch si vanta tantissimo, quella di non aver bisogno del collegamento a un cellulare e soprattutto quella di non andare a intaccare la durata della batteria.

Il servizio di Swatch è partito in Cina, naturalmente in patria ma anche in altri paesi europei. Ora sbarca anche in Italia. Al momento dell’acquisto un chip radio NNFC permette di “tokenizzare” lo Swatch, associandolo in maniera univoca alla propria carta di credito.
Una volta effettuati tutti i passaggi, l’utente può completare qualsiasi transazione in maniera contactless semplicemente avvicinando l’orologio al Pos e inserendo il Pin della carta, senza limiti: non è necessario per gli importi inferiori ai 25 euro.

Addio autonomia ridotta, uno dei grandi limiti degli smartwatch, concepiti all’inizio principalmente per il fitness. La Swatch vuole diversificarsi in questo: niente priorità a chi fa fitness, niente soprattutto autonomia ridotta. Già, il pagamento non inficia sulla durata della batteria.

FONTE