Sky Italia e la maxi multa dalla AGCOM: a quanto pare il problema riguarda il pacchetto del calcio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00

Le informazioni pubblicitarie spesso sono ingannevoli, non tanto per malafede da parte delle aziende che pubblicizzano i loro servizi, quanto a volte perché il linguaggio pubblicitario deve essere massivamente accattivante in un lasso di tempo minimo.

SKY CALCIO 20220312 tech
Sky multata da AGCOM per il calcio – MeteoWeek.com

E spesso gli utenti rimangono male perché l’informazione arriva distorta e i consumatori non ottengono quanto pensavano di ottenere decidendo di sfruttare, o usare, o comprare, il prodotto pubblicizzato. E il pasticcio si fa ancora più grosso quando di mezzo si mettono le autorità, che a fronte di pubblicità ritenute ingannevoli, comminano multe a dir poco salate.

E’ successo recentemente a Sky Italia, che è stata multata per la cifra record di 1 milione di euro, proprio da AGCOM, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, secondo cui lo scorso anno la società di streaming e trasmissione televisiva avrebbe lasciato intendere di detenere ancora tutte le partite di campionato di Serie A, quando invece non era vero.

Sky Italia multata per il pacchetto calcio, ma non ci sta e ribatte ad AGCOM

Sky Tv 20220312 tech
Sky Tv controbatte ad AGCOM – MeteoWeek.com

Effettivamente il calcio di Serie A è ormai appannaggio quasi esclusivo di DAZN, che ha acquisito l’esclusiva di sette partite su dieci ogni weekend e condivide con Sky la co-esclusiva di appena tre partite. Ma la pubblicità, secondo AGCOM, che Sky ha fatto del suo pacchetto calcio, è ingannevole.

In una nota ufficiale di AGCOM, infatti, si legge che “l’Autorità ha accertato che Sky Italia, in violazione dell’art. 21 del Codice del Consumo, nella primavera 2021 ha rappresentato una situazione di incertezza in merito all’aggiudicazione dei diritti della Serie A, lasciando intendere la possibilità per i propri abbonati di poter continuare a fruire dei contenuti relativi al campionato di Serie A, come accaduto nella precedente stagione“.

In sostanza secondo AGCOM ci sarebbe stata una poca chiarezza nello spiegare agli spettatori le effettive condizioni relative all’offerta sul calcio di Sky per la stagione in corso. Sky Italia avrebbe anzi lasciato intendere che l’offerta potesse rimanere uguale all’anno precedente.

Soltanto con una campagna terminata il 1° luglio 2021, i messaggi sulla nuova configurazione del pacchetto Calcio, diffusi da Sky Italia in comunicazioni individuali rivolte a tutti gli abbonati, sono risultati idonei a fornire puntuali ed efficaci informazioni sugli effettivi contenuti dell’offerta calcistica. Il cliente già abbonato ai servizi della società – si legge ancora nella nota – e in particolare al pacchetto Calcio, è stato quindi orientato a mantenere il pacchetto in essere, nella prospettiva di poter usufruire della scontistica promessa per i mesi estivi ma anche, in seguito, di poter recedere senza penali“.

Immediata la risposta di Sky Italia che, oltre a ritenere la decisione “infondata”, ha fatto sapere di avere intenzione di ricorrere per farsi togliere la multa e dimostrare la sua “innocenza”. Una nota ufficiale di Sky infatti spiega quanto sopra.

Sky ha fornito tempestivamente ai propri abbonati tutte le informazioni che divenivano via via disponibili nel contesto di obiettiva incertezza – si legge nella nota di Sky – che ha caratterizzato l’assegnazione dei diritti del campionato di calcio di Serie A per il triennio 2021-2024. Lo scorso giugno, inoltre, Sky ha informato i propri abbonati, anche attraverso comunicazioni individuali, del contenuto e del prezzo del pacchetto Sky Calcio, offrendo loro la possibilità di recedere gratuitamente sia dal pacchetto Sky Calcio sia dall’intero abbonamento”.