Anche Obama rilascia dichiarazioni sugli UFO: “Esistono, ma non sappiamo cosa siano”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:36

Dopo la conferma dal Pentagono dell’attendibilità del video pubblicato nel 2019, in cui si intravede chiaramente un oggetto volante non identificato scomparire nel mare ad incredibile velocità, arrivano dichiarazioni anche dall’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, il quale ha affermato che “gli UFO esistono, ma non sappiamo cosa siano”

ufo obama
Barack Obama sostiene che gli UFO esistano, ma non si conosce la loro natura. – MeteoWeek.com

Al confine tra realtà, suggestione e pura fantasia: potremmo collocare in questo crocevia gli UFO, acronimo di Unidentified Flying Object, da sempre associati – per lo più in ottica fantascientifica – a presunte visite di entità extraterrestri. Ad alimentare questa fantasia hanno contribuito senz’altro la letteratura e le produzioni cinematografiche in questo ambito, con la nascita di una vera e propria cultura “UFO-mania” in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti la “UFO-mania” è sempre stata molto più intensa rispetto al resto dei Paesi del mondo, dato che sono sorte vere e proprie leggende in grado di mantenere alta l’attenzione sull’argomento. Basti pensare all’incidente di Roswell, in Nuovo Messico, attorno al quale si è costruita una storia di “caduta aliena” ricamata nel minimo dettaglio (smentita poi dai fatti: in realtà era caduto un pallone-sonda, lanciato nell’ambito di una missione militare).

Proprio dagli Stati Uniti, nei giorni scorsi, è arrivata però la conferma dell’attendibilità di un video girato dalla US Navy nel 2019, nel quale si vede un oggetto volante di forma sferica muoversi “levitando” sopra il mare, per poi immergersi ad incredibile velocità nell’acqua sottostante. Il video è stato girato a bordo della USS Omaha dal personale della Marina, nei pressi di San Diego, ed è stato confermato in via ufficiale dal Pentagono.

Leggi anche: UFO: la prova assoluta della loro esistenza è finalmente arrivata

UFO: le dichiarazioni di Obama

Se la vicenda nel 2019 aveva suscitato le classiche reazioni di dubbio e sospetto, la recente conferma da parte del Pentagono e del governo americano ha ribaltato la prospettiva. Tant’è che in merito sono arrivate dichiarazioni anche da parte dell’ex presidente Barack Obama, il quale ha affermato quanto segue: “Esistono video e immagini in cui compaiono oggetti volanti, che non sappiamo esattamente cosa siano. Non siamo in grado di spiegarne il comportamento in volo, come facciano a volare in quel modo o a seguire quelle traiettorie”.

Le dichiarazioni di Obama vanno calate nel contesto del vero significato di UFO, che non a caso vengono sempre più spesso chiamati UAP, Unidentified Aerial Phenomenon, ben più generico e non associabile alle speculazioni fantascientifiche ormai legate agli UFO. Aver trovato un UFO, o meglio un UAP, non significa aver trovato alieni extraterrestri e il termine potrebbe indicare tecnologie non ancora rese pubbliche, o addirittura fenomeni fisici.

ufo
Un frame del video girato dalla Marina statunitense nel 2019: si vede chiaramente l’oggetto volante sferico. – MeteoWeek.com

Gli USA sono in possesso di “frammenti” di UFO?

Nel frattempo il dibattito sul suolo statunitense si infiamma: alcuni esponenti politici, come il dem Martin Heinrich, sostengono che si tratti di tecnologia troppo avanzata per essere umana e che potrebbe rappresentare una minaccia per l’umanità intera.

C’è un’altra dichiarazione, però, che suscita ancora più clamore. Proviene da Louis Elizondo, ex agente CIA, il quale ha dichiarato che il governo americano sarebbe in possesso di “frammenti” di UFO, reperti recuperati in uno dei presunti crash sites, luoghi in cui sarebbero avvenuti incidenti di oggetti volanti non identificati.

Leggi anche: Perseverance aziona il braccio robotico: troverà presto vita su Marte?

Il dibattito è ancora ampiamente aperto, e per i primi di giugno sono attesi riscontri ufficiali, nero su bianco, da parte dell’intelligence sul fenomeno UAP.

Fonte: La Repubblica