Anche le case vengono fatte con stampanti in 3D. Consegnate le chiavi della prima abitazione realizzata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:40

Case Stampate in 3D ormai una realtà. Quanto costano e come vengono costruite.

Case stampate in 3D – MeteoWeek.com

A Eindhoven, sud dei Paesi Bassi, è stata consegnata la prima casa in cemento stampata in 3D d’Europa.

Harrie ed Elise Dekkers, una coppia di pensionati, hanno ricevuto le chiavi e sono i primi in Europa a vivere in una casa realizzata in questo modo.

È una casa indipendente, costruita su un piano solo, di 94 metri quadrati di superficie abitabile e si trova nel quartiere di Bosrijk ad  Eindhoven, nel sud dei Paesi Bassi.

Questa è la prima casa costruita in questo modo in Europa e rispetta pienamente tutte le rigide normative edilizie olandesi.

Il primo vantaggio delle stampanti 3d, ovviamente è la velocità.

Nessuna casa può mai sperare di essere iniziata e terminata in soli cinque giorni. Ma c’è anche un altro importante vantaggio nella stampa 3D delle case e cioè la sostenibilità, in quanto per costruire una casa stampata in 3D, è necessario molto meno cemento di quello necessario per portaer a termine una normale costruzione.

La stampante 3D per calcestruzzo funziona con grande precisione, questo significa anche che c’è un risparmio notevole di materiali e di denaro.

Andiamo a scoprire come si realizza una casa in stampa 3D, e l’ultima arrivata di cui vi abbiamo accennato in questo paragrafo.

LEGGI ANCHE: Rivoluzione nella stampa 3D: Unibo sviluppa uno spider robot costruttore

La casa realizzata in stampa 3D: dal 2019 ad oggi

Diverse società nel mondo si sono dilettante nella costruzione di immobili in stampa 3D, già dal 2019.

Vediamole insieme.

WASP

Progetto WASP – MeteoWeek.com

WASP  azienda italianissima nota per le sue stampanti Delta grande formato e per le sue ricerche nel campo delle applicazioni edilizie sulla stampa 3D attraverso la nuova tecnologia Crane WASP con materiali naturali provenienti dal territorio circostante e forniti da RiceHouse è risuscita  a stampare una  casa  di 30 mq utilizzando solo 900 € di materiali.

L’impegno dell’azienda italiana, fin dalle origini nel 2012, è stato costantemente rivolto allo sviluppo di strumenti per la fabbricazione additiva a scala architettonica

Costruita con l’utilizzo di terra cruda come principale legante della miscela costituente, può essere considerata un nuovo modello architettonico ecosostenibile con particolare attenzione all’impiego di materiali naturali di scarto, provenienti dalla filiera produttiva del riso e orientati alla realizzazione di murature particolarmente efficienti dal punto di vista bioclimatico e di salubrità degli ambienti.

Stampata in poche settimane grazie alla sua muratura non necessita né di riscaldamento né di un impianto di condizionamento, in quanto mantiene al suo interno una temperatura mite e confortevole sia d’inverno che d’estate.

La deposizione del materiale a base di terra cruda, paglia e lolla di riso viene controllata attraverso articolati intrecci in grado di conferire al contempo solidità costruttiva e variazione geometrica lungo l’intero sviluppo murario.

La versatilità della progettazione computazionale viene infatti resa possibile nella pratica costruttiva grazie alla precisione e alla velocità della tecnologia 3d, ottenendo geometrie complesse, difficilmente replicabili con i sistemi tradizionali di costruzione.

La realizzazione dell’involucro stampato in 3d, per un totale di 30 mq di parete dallo spessore di 40 cm, ha richiesto complessivamente 10 giorni, con un costo totale dei materiali di 900 €.

Apis Cor

Progetto Apis Cor – MeteoWeek.com

La società russa Apis Cor ha realizzato una stampante 3D in grado di realizzare un’abitazione completa di 37 metri quadri per meno di 10.000 dollari (interni compresi) e in sole 24 ore.

La stampante di Apis Cor è anche straordinariamente veloce rispetto alle concorrenti.

La casa, dalle curiose forme circolari, interamente in cemento, è composta da ingresso, soggiorno, camera da letto, cucina e bagno.

L’applicazione di infissi e finestre, e una mano di bianco, completano l’opera che, chiavi in mano, viene a costare 270 euro al metro quadro. E, secondo Apis Core, è costruita per durare almeno 175 anni.

“Il nostro obiettivo“, ha dichiarato alla stampa Nikita Chen-yun-tai, fondatore dell’azienda “è quello di diventare la più grande azienda di costruzioni al mondo, in grado di risolvere problemi abitativi in ogni angolo del pianeta”.

La soluzione di Apis Cor è interessante soprattutto per la rapidità con cui potrebbe essere possibile offrire un riparo a popolazioni colpite da calamità naturali.

LEGGI ANCHE: Tecla ovvero la casa orgogliosamente made in Italy e tutta stampata in 3D

La prima casa stampata in 3D d’Europa

La prima casa stampata in 3D d’Europa – MeteoWeek.com

La casa è composta da 24 elementi stampati in cemento. Questi sono stati stampati strato per strato nella fabbrica di stampa 3D di Eindhoven, nei Paesi Bassi, grazie ad un braccio robotico che lavora 24 ore su 24.

Con la stampa 3D si può scegliere la forma di casa che si preferisce. Non deve essere per forza quadrata o rettangolare; si può scegliere la forma più adatta al paesaggio.

Per esempio nel caso dei signori Dekker, la forma di grande masso di pietra è perfetta per la posizione naturale del quartiere dove vivono.

Insomma si può dare sfogo alla creatività come più si vuole.

“Questa è stata la prima casa realizzata con una stampante in 3D per calcestruzzo, ma altre 4 sono già in progetto. La prossima casa avrà più piani e questo porrà dinanzi al team nuove sfide da affrontare.”  Fa sapere il capo progetto, Steven Delfgaauw, responsabile della divisione edifici di  Witteveen + Bos.