Muore fondatore di Adobe e degli utlizzatissimi PDF; cosa ci lascia in “eredità”?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:30

Morto Charles ‘Chuck’ Geschke, il co-fondatore di Adobe: aveva contribuito a creare il Pdf.

Adobe Flash Player – MeteoWeek.com

Charles ‘Chuck’ Geschke, il co-fondatore della società di software Adobe, che ha contribuito a sviluppare la tecnologia Portable Document Format, o Pdf, è morto all’età di 81 anni.

Si tratta di uno dei pilastri della prima Silicon Valley, figura magari meno appariscente, ma i frutti del suo lavoro sono sui nostri computer tutti i giorni.

Chi era Geschke?

Geschke è il co-fondatore della società di software Adobe e insieme a John Warnock, che aveva personalmente assunto al Palo Alto Research Center di Xerox, hanno creato il formato Pdf (Portable Document Format) e un’infinita di altri software.

Oltre a un concetto alla base dell’informatica moderna come il – acronimo dall’inglese What you see is what you get – ossia che quanto vediamo a monitor corrisponde a quanto stiamo facendo.

Prima di allora, erano gli inizi degli anni ’80, anche la grafica a monitor era basata su stringhe di testo.

LEGGI ANCHE: Addio al software Adobe Flash Player: è il momento di disattivarlo

Geschke, l’inventore di adobe, morto a 81 anni – MeteoWeek.com

Geschke, che viveva a Los Altos nella baia di San Francisco, è morto venerdì, stando a quanto riferito dalla società.

“Questa è un’enorme perdita per l’intera comunità Adobe e l’industria tecnologica, per la quale è stato una guida ed un eroe per decenni”, ha scritto il ceo di Adobe, Shantanu Narayen, in un’e-mail ai dipendenti.

In qualità di co-fondatori di Adobe, Chuck e John Warnock hanno sviluppato un software rivoluzionario che ha trasformato in maniera radicale il modo in cui le persone creano e comunicano“, ha affermato Narayen.

Il loro primo prodotto”  ha proseguito “è stato Adobe PostScript, una tecnologia innovativa che ha fornito un nuovo modo di stampare testo e immagini su carta e ha innescato la rivoluzione del desktop publishing. Chuck ha instillato in azienda una spinta incessante all’innovazione, dando vita ad alcune delle invenzioni software più rivoluzionarie, tra cui gli onnipresenti Pdf, Acrobat, Illustrator, Premiere Pro e Photoshop“.

LEGGI ANCHE: Microsoft, nasce la coalizione per l’autenticità dei contenuti online

Com’è nato Adobe?

Geschke e Warnock una volta usciti da Xerox, proseguirono la tradizione dei garage californiani: fu in quello di Warnock che nacque la Adobe, con il nome che era ripreso dall’Adobe Creek, un ruscello che scorreva dietro la casa di Warnock.

“Era un famoso uomo d’affari, il fondatore di una grande azienda negli Stati Uniti e nel mondo, e ovviamente ne era molto, molto orgoglioso ed è stato un grande risultato nella sua vita. Ma non era il suo focus, davvero, la sua famiglia lo era“, ha detto sabato 17 aprile al Mercury News la moglie Nancy Geschke, 78 anni, che addolorata piange il suo compagno di vita.

Era in pensione dal 2000 e precedentemente era stato Coo di Adobe (società fondata da lui e da John Warnock nel 1982) dal 1986 al 1994. Nella primavera del 1989 aveva assunto la presidente della società.

Nel 2009, il presidente Barack Obama ha conferito a Geschke e Warnock la National Medal of Technology, un grande, forse il maggior, riconoscimento per aver co tributo alla crescita nel campo tecnologico.

Fa parte dell’avventurosa biografia di Geschke anche un rapimento: era il 1992 quando venne sequestrato da due uomini per chiedere un riscatto.

Sotto la minaccia di una pistola, venne portato a Hollister, in California, dove fu trattenuto per quattro giorni. Un sospetto bloccato con 650mila dollari di riscatto alla fine ha portato la polizia al nascondiglio dove era tenuto prigioniero.

Una vita piena, quella del fondatore di Adobe che, con i suoi programmi di grafica, ha conquistato i cuori, e i conti in banca, di fotografi, graphic designer e di coloro che creano contenuti digitali per vivere.

Buon viaggio!