Nasce il servizio Google News Showcase: che cos’è e come funziona?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30

Google promuove News Showcase, il suo nuovo sistema con cui paga i media per una selezione di contenuti.

Google News – MeteoWeek.com

Pagare per le notizie online? Google dice no, non ci sta, e inventa un modo per

Google porta in Italia News Showcase annunciato sul finire dello scorso anno con lo scopo dichiarato di potenziare il servizio di Google News e Discover.

In realtà c’è anche un ulteriore obiettivo legato a questa uscita: mettere a tacere le critiche legate all’uso degli snippet (la porzione di una notizia che appare nei risultati della ricerca) pagando gli editori per contenuti approfonditi che avranno maggiore visibilità sia su Google News, sia su Google Discover.

News Showcase è il prodotto messo a punto da Google per negoziare con i media accordi sulla remunerazione per le notizie.

LEGGI ANCHE: Google e Facebook in Australia dovranno pagare per pubblicare news

Cosa ha portato a questa uscita

Negli ultimi tempi, le autorità di regolamentazione di tutto il mondo,  forse incoraggiate dai gruppi di interesse dell’industria dell’informazione, hanno spinto per introdurre una legislazione che richiederebbe ai colossi della tecnologia come Google e Facebook di pagare direttamente gli editori per la condivisione delle notizie.

Un caso simile, possiamo trovarlo in Australia ad esempio (Aggiornatevi  qui).

Google ha resistito per anni all’idea di pagare gli editori. Ha persino minacciato di ritirare Google News dall’Europa se l’Ue avesse imposto politiche simili, dopo l’approvazione della Direttiva Ue sul Copyright.

News Showcase è sostanzialmente un programma di licenze che prevede una remunerazione per gli editori firmatari dell’accordo e che porta benefici ai lettori che possono così contare su contenuti di qualità facilmente raggiungibili tramite i motori di ricerca.

Google News Showcase

Google News ShowCase – MeteoWeek.com

Al momento il prodotto riguarda oltre 500 pubblicazioni in tutto il mondo.

Ci auguriamo di poter annunciare nuove partnership molto presto”, ha dichiarato Don Harrison, President of Global Partnerships di Google.

News Showcase parte in Italia con gli accordi conclusi con 13 gruppi editoriali e 76 pubblicazioni a tiratura nazionale e locale.Tra i gruppi firmatari rientrano:

  • Caltagirone Editore, Ciaopeople, Citynews, Gruppo Monrif, Il Foglio Quotidiano, RCS Media Group, IlSole 24 ore.

Mentre tra le testate nazionali e locali si citano:

  • Corriere della Sera, Fanpage, il Fatto Quotidiano, Il Foglio, Il Gazzettino, ilGiornale.it, Il Giorno, Gruppo Corriere, IVG.it, Libero, Il Mattino, Il Messaggero, MilanoToday, La Nazione, il Resto del Carlino, Roma Today, il Sole 24Ore, Il Tempo e Varesenews.

Google chiarisce che tutti gli accordi conclusi in Italia tengono conto dei principi fissati nell’art. 15 della Direttiva Europea sul diritto d’autore, quasi a voler mettere subito a tacere i contrasti con i gruppi editoriali che si sono registrati anche in altri mercati.

L’Italia si unisce così ad Australia, Germania, Brasile, Canada, Francia, Giappone, Regno Unito e Argentina in cui News Showcase è già attivo.

LEGGI ANCHE: Google in aiuto degli sviluppatori: ha deciso di abbassare le commissioni

Cosa cambia per i lettori

E’ come quando vogliamo leggere una notizia, e ci troviamo il muro dopo neanche il primo paragrafo, che chiede di donare qualcosa per poter continuare la lettura.

News Showcase mette le mani avanti affinché questa circostanza si verifichi meno.

Se è Google a pagare direttamente l’editore per indicizzare un determinato contenuto, allora l’editore può decidere di non addossare all’utente finale il prezzo per l’accesso al contenuto “premium”. La casa di Mountain View lo dice in modo netto:

“Come parte del nostro accordo di licenza con gli editori, offriremo anche lapossibilità ai lettori di accedere a contenuti selezionati dietro paywall. Questo sistema permetterà di conoscere meglio il lavoro di una redazione e approfondire una notizia, permettendo all’editore di incoraggiare la sottoscrizione di un abbonamento.”

Al di là dei contenuti paywall liberamente accessibili i lettori potranno contare contare su notizie riportate su News e Discover in modo più dettagliato, accattivante e di facile lettura. Le notizie saranno organizzate in schede ricche di informazioni per migliorare la comprensione della notizia.