Contro il Revenge Porn, il Garante della Privacy e Facebook fanno tondo dandoci un taglio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:45

Collaborazione per aiutare potenziali vittime “odiosa violenza”  del Revenge Porn.

Contro il Revenge Porn – MeteoWeek.com

Contro il Revenge Porn, odiosa forma di violenza sulle donne e in generale contro la pornografia non consensuale divulgata, il Garante della Privacy ha deciso di mettere a disposizione sul proprio sito un canale di emergenza, come annuncia in una nota.

In occasione dell’8 marzo, festa delle donne, Il Garante della Privacy ha deciso di mettere a disposizione sul proprio sito un «canale di emergenza» (www.gpdp.it/revengeporn) sul quale chiunque potrà ottenere che vengano bloccate le sue immagini o i video diffusi senza consenso su Facebook o Instagram.

Un aiuto per tutte coloro che si sono trovate in situazioni spiacevoli e senza sapere come uscirne, vuoi per un ex arrabbiato o per una vendetta salata da parte di un uomo rifiutato. Purtroppo, quasi un’abitudine ai giorni d’oggi.

Un aiuto per contrastare il revenge porn

Nella pagina predisposta dal Garante, le potenziali vittime di pornografia non consensuale (bisogna comunque essere maggiorenni, perchè ci aspettiamo che delle minorenni non mandino o si facciano fare MAI delle foto in situazioni spiacevoli) troveranno un modulo da compilare per fornire all’Authority le informazioni utili a valutare il caso;

Poi sarà lo stesso interessato a caricare direttamente le foto incriminate sull’apposito programma in grado di riconoscerle attraverso una tecnologia di comparazione e distruggerle nel momento in cui venissero effettivamente pubblicate sulle due piattaforme social.

Nei casi invece in cui i video siano stati già condivisi, è sempre possibile fare una segnalazione su Facebook o su Instagram e ottenere di ridurre al minimo il danno impedendo successive condivisioni delle immagini stesse.


Leggi Anche:


Una misura preventiva

Il canale di segnalazione preventiva, che è già stato attivato lo scorso anno come programma pilota ma finora era accessibile solo attraverso l’associazione no profit di promozione sociale PermessoNegato, garantisce la massima protezione dei dati personali e una gestione assolutamente riservata e confidenziale delle immagini, che anzi verranno cifrate da Facebook tramite un codice «hash», in modo da diventare irriconoscibili prima di essere distrutte.

Siamo lieti di poter rafforzare il nostro progetto sperimentale contro la pornografia non consensuale grazie alla preziosa collaborazione del Garante per la Protezione dei Dati personali” ha spiegato ieri Laura Bononcini di Facebook. “Abbiamo condotto numerose ricerche in questo campo e collaborato con molte organizzazioni internazionali per la sicurezza per rivedere e migliorare la risposta a questo grave problema e, attraverso la nostra tecnologia, vogliamo offrire strumenti validi ed efficaci alle vittime. Continueremo ad impegnarci affinché le persone si sentano al sicuro sulle nostre piattaforme e possano sempre trovare in noi un alleato per tutelarsi da qualunque abuso online“.

Intelligenza artificiale contro la vendetta

Facebook ci da un taglio – MeteoWeek.com

Grazie all’apprendimento automatico e all’intelligenza artificiale, Facebook è ormai in grado di rilevare anche in modo autonomo le immagini pornografiche condivise senza permesso: nel solo quarto trimestre del 2020 sono state identificate e rimosse ben 28 milioni di immagini di nudo e atti sessuali di adulti, nel 98,1% dei casi ancor prima che venissero segnalate da qualcuno.

Inoltre da marzo 2019 Facebook ha lanciato la campagna mondiale «Non senza il mio consenso», un hub online di supporto sviluppato insieme a esperti del settore nel quale le vittime possono trovare risorse e contatti di organizzazioni in grado di sostenerle, comprese indicazioni sulle misure da adottare per rimuovere i contenuti indesiderati dalle piattaforme social.